Premio Qualità FriulAdria

Il Premio Qualità FriulAdria per l’animazione diventa, per la sua decima edizione, un premio di talent scouting, capace di riconoscere in nuce il talento e di sostenerlo, anche prima che questo si sia manifestato al suo apice, in modo da essere ancora di più un aiuto alle nuove generazioni di animatori. Dal 2008 offre agli artisti insigniti l’opportunità di creare una nuova opera grazie a un finanziamento di ben 2.000 euro.

Nel corso del 2016 si è deciso di appoggiare Irene Piccinato e Giorgia Velluso, due giovani ex allieve del Centro di Cinematografia Sperimentale, entrambe ospiti di passate edizioni di FMK Festival con i loro lavori di diploma. La prima è una pordenonese doc che ora lavora prevalentemente nell’ambito della grafica, la seconda, napoletana, attualmente è storyboard artist e animatrice di stanza a Parigi. Hanno entrambe collaborazioni importanti alle spalle come quella con Lorenzo Ceccotti, in arte LRNZ, per le animazioni del bellissimo film documentario The dark side of the sun di Carlo Shalom Hintermann.

Ogni anno, Crédite Agricole FriulAdria si concentra sulla celebrazione o la riscoperta di un artista e spesso il vincitore del Premio Qualità crea una clip che renda omaggio alla figura scelta, facendo dialogare la contemporaneità con il passato per rendere il patrimonio artistico più vicino e vivo attraverso un medium fruibile e affascinante in modo transgenerazionale.
Nel 2017 Crédite Agricole FriulAdria ha avviato una partnership con la Fondazione Musei Civici di Venezia per portare a Ca’ Pesaro la prima grande mostra italiana dedicata a un maestro dell’arte contemporanea, David Hockney. Ed è proprio dal suo quadro più famoso, A Bigger Splash, che le due animatrici italiane hanno preso il la per la loro clip animata: un tuffo, letteralmente, nelle tecniche e nei soggetti dei quadri del protagonista indiscusso della pop art inglese accompagnato dalla musica del talentuoso musicista Arnoux, che presta il suo pezzo “Kites Parade” dall’EP Dans le living come accompagnamento per le immagini (potete ascoltare la canzone qui http://arnoux.it/track/kites-parade). Questo omaggio animato sarà proiettato in anteprima alla serata di apertura di FMK Festival, martedì 4 luglio 2017.

Ecco cos’altro è stato realizzato in nove anni di Premio Qualità FriulAdria – Premio internazionale miglior cortometraggio di animazione:

Carolina Markowicz (Premio Qualità FriulAdria 2015 con Fernanda Salloum per Edifício Tatuapé Mahal), ha realizzato Solitudine – omaggio a Pier Paolo Pasolini in occasione del quarantennale della sua tragica scomparsa.

Réka Bucsi (Premio Qualità FriulAdria 2014 per Symphony no. 42), in collaborazione con Zsuzsanna Kreif, ha realizzato la sigla FMK 2016.

Iria Lopez (Premio Qualità FriulAdria 2013 per Jamón) ha realizzato la sigla FMK 2017.

Andreas Örhalmi (Premio Qualità FriulAdria 2012 con Erik Rosenlund per Sudd), hanno portato a temine l’arduo compito di presentare con uno showreel il meglio di Segni da un territorio, il catalogo dedicato all’intera collezione d’arte di Crédite Agricole FriulAdria.

Giacomo Agnetti (Premio Qualità FriulAdria 2011 per Don’t worry), ha avuto la possibilità di lavorare con la tecnica della stop motion per regalarci la sigla FMK 2012.

Dalila Rovazzani e Giovanni Munari (Premio Qualità FriulAdria 2010 per Arithmétique), hanno realizzato un’opera di videoarte, 27:51, un viaggio all’interno della Crocefissione (1520, affresco) dipinta da Giovanni Antonio de’ Sacchis, meglio noto come Il Pordenone.

Virginia Mori (Premio Qualità FriulAdria 2009 per Il gioco del silenzio) ha reso omaggio al pittore Alessandro Pomi dando anima e movimento alla situazione raffigurata nel suo celebre quadro Cenacolo (1931, olio su tela).

Alice e Stefano Tambellini (Premio Qualità FriulAdria 2008 per Unhappy Hour e La reliquia rivoltosa) con Amor Cortese hanno dato vita a una delle leggende raffigurate sulle tavolette lignee tardo gotiche di Palazzo Ricchieri (Pordenone, XIII secolo) [sound design del friulano Fabio Arnosti].