Cortometraggi

LE CASE CHE ERAVAMO

Arianna Lodeserto

Le lotte per la casa, un diritto inalienabile e un atto di dignità, e la periferia romana tra il 1948 e il 2018. Due fili rossi che, se intrecciati, indagano l’emergenza abitativa sfuggendo alla narrazione tipica che snocciola dati senza personificarli, ma entrando nel merito del malessere quotidiano di chi è costretto a combattere per un alloggio, garantirsi l’affitto a fine mese e, come extrema ratio, cercare di sopravvivere.

Nata nel sud dell’Italia, Arianna Lodeserto è fotografa e ricercatrice che, da anni, si occupa di periferie urbane e di archivi in movimento. Vive e lavora tra Roma e Parigi. Può essere considerata un regista senza telecamera, montatrice senza programmi, ricercatrice senza contratti, del “piacere semplice per il visibile”, del cinema d’archivio, del suono aspro delle lotte.