Cortometraggi

Bloodhound

di Tommaso Landucci, Italia 2014, 17’

Samuele non vede l’ora di andare a trovare la fidanzata, che risiede in un piccolo paese di montagna. Dopo una lunga giornata di lavoro, lungo il percorso che lo condurrà verso i monti qualcosa va storto. Il ragazzo accidentalmente investe un cane di un cacciatore, e, in colpa per quanto è accaduto, comincia a seguirlo verso la foresta alla ricerca di un luogo dove seppellirlo. Il cacciatore ricorda subito il suo volto e la sua identità, e questo trasmette inquietudine e incertezza al giovane Samuele, che dovrà capire le intenzioni di quell’uomo.

Bloodhound,Tommaso Landucci Italia, 2014, 17’

Tommaso Landucci è un regista toscano che ha frequentato il corso di regia del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma sotto la direzione di Daniele Luchetti. Tra le sue esperienze nel campo dell’audiovisivo, ha compiuto diversi corti che sono stati mostrati in festival nazionali e internazionali come Venezia. Proprio al Lido Landucci ha presentato in anteprima Bloodhound, il suo progetto di diploma inserito nella sezione “I LOVE G.A.I. – Giovani Autori Italiani” in occasione della 72° Mostra del Cinema di Venezia. L’autore ha inoltre collaborato come assistente alla regia in numerosi progetti cinematografici, come Alì ha gli occhi azzurri di Claudio Giovannesi e A Bigger Splash di Luca Guadagnino, dove ha seguito lo sviluppo dalla preparazione fino alla fase di postproduzione.