Cortometraggi

[gallery ids="2635,2636,2637,2638,2639"]

Bismillah

di Alessandro Grande, Italia 2017, 15’

Samira è una bambina di origine tunisina. Con i suoi 10 anni, è costretta immediatamente a crescere e a dover gestire una situazione delicata e straziante. La piccola vive illegalmente in Italia insieme a suo padre e a suo fratello, di 7 anni più grande. Il ragazzo è costretto a stare a letto a causa di una malattia che lo rende privo di forze. La sua situazione politica, essendo un immigrato irregolare, non gli permette le cure necessarie in ospedale. Per questa ragione, Samira si troverà ad affrontare da sola un problema più grande di lei.
[caption id="attachment_2643" align="alignright" width="150"] Bismillah, Alessandro Grande, Italia, 2017, 15’[/caption] Alessandro Grande, nato a Catanzaro nel 1983, è un regista e sceneggiatore italiano da sempre vicino alle tematiche sociali. Laureato in Storia, Scienze e Tecniche dello Spettacolo, nel 2010 realizza In my prison, cortometraggio che ottiene oltre 100 selezioni nel mondo e 40 premi, tra cui il Premio Amnesty International e il Premio Fandango. Nel 2013 realizza Margerita con Moni Ovadia, Francesca Valtorta e un gruppo di rom non professionisti. Il cortometraggio, che affronta la delicata questione dell'integrazione, è stato presentato al Giffoni Film Festival ed è entrato nella cinquina finale dei Nastri d'Argento, vincendo circa 80 premi nel mondo tra cui Miglior Film all'Ischia Film Festival e Miglior Regia al Ciprus Int. Film Festival. Alessandro lavora inoltre come autore per programmi televisivi Rai, Mediaset e Sky. Il suo ultimo cortometraggio, Bismillah, è vincitore del David di Donatello 2018 per il Miglior Cortometraggio, il più importante riconoscimento italiano.