VISIONI OFF­_PEG BAR

Giovedì 17 luglio

Peg bar è il nome inglese della reggetta, la sbarretta che tiene a registro i vari frame mentre li si disegna su fogli sovrapposti, insomma l’oggetto simbolo dell’animatore. In un certo senso compilare un programma di visioni non è altro che mettere a registro un punto di vista su ambito culturale – in questo caso quello dei cortometraggi animati – nel mentre questo mondo si sviluppa nel presente.

Anteprima DVD Animazioni 3

introduce Paola Bristot

In anteprima per FMK una selezione da Animazioni 3, il terzo dvd della collezione antologica curata da Paola Bristot (Viva Comix) e Andrea Martignoni (OTTOmani) per presentare il meglio dell’animazione italiana contemporanea (in uscita a Settembre 2014).

La testa tra le nuvole

di Roberto Catani, Italia, 2013, 7’55”

La-testa-tra-le-nuvole-3-620x400A scuola, un bambino sta sognando a occhi aperti quando il maestro lo richiama bruscamente alla realtà minacciandolo addirittura di tagliargli un orecchio pur di “stimolare” la sua concentrazione e impedire sue ulteriori fughe nel mondo dell’immaginario.

DSCN4624Roberto Catani (Jesi, 1965), docente di Disegno Animato presso l’Istituto Statale D’Arte di Urbino nonché animatore. Dal 1995, anno di uscita del suo primo cortometraggio intitolato Il pesce rosso, a oggi, con La testa tra le nuvole (Absent Minded), i suoi cortometraggi d’animazione hanno collezionato numerosi premi internazionali.

Pluto 3000

di Fabio Tonetto, Italia, 2014, 1’16”

pluto3000Chi non conosce Pluto, il famoso personaggio della Disney? In questa animazione uno pseudo Pluto è in procinto di auto-generarsi senza mai riuscirci, rimanendo incastrato in un ciclo continuo di prove ed errori, una sequenza di aborti liquidi in cui incredibilmente rimane sempre riconoscibile come Pluto.

Fabio-'Colpetto'-TonettoFabio Tonetto (1983), diplomatosi al Centro Sperimentale di Cinematografia – Scuola Nazionale di Cinema, Sede del Piemonte – Dipartimento Animazione di Torino, è anche illustratore e fumettista. Il suo recente lavoro Pluto è stato il cortometraggio di apertura del prestigioso festival Pictoplasma 2014 di Berlino.

Dove ti nascondi

di Nadia Abate, Francesco Forti e Victoria Musci, Italia, 2013, 5’57”

13274_origDove si nascondono i bambini prima di venire al mondo? Un bimbo di quattro anni e i suoi amici cercano una risposta, un po’ sul serio, un po’ per gioco. Il film è basato sulle fantasiose ipotesi avanzate dai bambini della Scuola d’Infanzia Bay di Torino.

tumblr_inline_mf9wr1laSu1r8g9s5La collaborazione tra gli animatori Nadia Abate, Francesco Forti e Victoria Musci è nata al Centro Sperimentale di Cinematografia al fine di realizzare il loro cortometraggio di diploma Dove ti nascondi che li ha portati lontano; infatti il film è stato presentato e premiato da numerosi festival, tra i quali anche il Giffoni Film Festival con il premio speciale Giotto “Super Bebè”.

Speciale Viva Comix – Premio Viva i Fumetti/Živel Strip!

Interferenze

di Emanuele Da Ros, Italia, 2014, 1’10”

Interferenze_4La tecnica dello scatching e del disegno diretto su pellicola dà vita a un cortometraggio in cui il centro dell’interesse non è più nello svolgersi degli eventi ma in ciò che li perturba e li distorce e in ciò che li mette in pausa come quando si trattiene il respiro.

Emanuele Da Ros, dopo aver seguito un workshop di animazione al Liceo Artistico Galvani di Cordenons (PN), ha partecipato e vinto il concorso Viva i Fumetti/Živel Strip!. Il premio gli ha permesso di frequentare un workshop di perfezionamento al festival Animateka di Lubiana.

Visioni off

a cura di Sara Pavan

Tisuću

di Danijel Žeželj, Croazia, 2014, 6′

22948_01Tutto è buio, il sole non sorge da anni. Ma c’è una leggenda che dice che se lo si disegnerà mille volte il sole sorgerà di nuovo. E c’è chi vuole provarci ma, invece che disegnarlo su carta, inizia a dipingerlo sui muri della città.

GO02925935Danijel Žeželj (1966, Croazia) è un fumettista, animatore e illustratore di fama internazionale, autore di oltre venti graphic novel e tre film di animazione. Dal 1997 esegue performance multimediali che fondono pittura e musica dal vivo, presentate in anteprima in Italia, Francia, Stati Uniti e Croazia. Vive e lavora a Brooklyn e Zagabria.

Hunger in India

di Neerav Doshi, India, 2013, 6′

fotograma-2-7312L’India viene spesso definita dai media come la “capitale” mondiale della fame. I dati statistici sono impressionanti per chi li sa leggere. L’animazione ha il potere di rendere intellegibili anche quei numeri. E questo è importante perché il primo passo per qualsiasi cambiamento è la consapevolezza del problema.

director-7312Neerav Doshi (1990, India), studente di animazione al National Institute of Design di Ahmedabad in India, dopo alcuni corti narrativi sceglie uno stile documentaristico intrecciato all’infografica per una più agile diffusione via internet di video di sensibilizzazione su alcuni temi importanti come la fame nel suo paese.

Mee

di Letty Felgendreher, Germania, 2012, 5′

fotograma-3-1771Storia d’ispirazione autobiografica, racconta di una bambina di nome Mee che è stata adottata e di come questo abbia creato dei problemi nella vita, non tanto la sua, quanto quella di chi le sta attorno: la gente infatti pare non riuscire a fare a meno di porre domande invadenti in proposito.

director-1771Letty Felgendreher, dopo aver frequentato la Filmakademie Baden-Württemberg, ha lavorato come character-designer per SnapDragon Games, per poi diventare storyboard artist freelance. Dopo il successo del suo film di diploma Mee ha realizzato altri due cortometraggi, Natalis (2012) e Ritter Rost – Eisenhart und voll verbeult (2013).

L’homme qui avait perdu la tête

di Fred Joyeux, Francia, 2014, 9′

fotograma-3-9858Documentario in animazione che ricostruisce la vera storia di un uomo, Alain de Filippis, e della sua malattia. Alain, appena ricoverato in ospedale, riceve la visita di una giovane psicologa responsabile dei colloqui di ammissione dei nuovi arrivati. La moglie Marielle lo aiuta a rispondere alle domande della giovane donna che cerca di capire come mai Alain sia così sereno nonostante una diagnosi infausta.

director-9858Fred Joyeux (1957, Francia) vive e lavora tra Nantes in Francia e Dakar in Senegal. Per lungo tempo graphic designer, dal 2007 si dedica esclusivamente all’animazione. I suoi film più recenti, proiettati in svariati festival in giro per il mondo, sono stati acquistati dal famoso canale televisivo franco-tedesco Arte.

Mirage

di Iker Maidagan e Dana Terrace, Spagna, 2013, 9′

still1Un giovane ragazzo Inuit si avventura con il suo husky sui ghiacci artici più isolati da cui pare non abbia mai pescato nessuno. Ovviamente c’è un motivo se nessuno si è mai avventurato prima d’ora in quella zona isolata o almeno, se qualcuno lo ha fatto, non è mai tornato indietro.

dana-terraceIker Maidagan e Dana Terrace, il primo originario dei Paesi Baschi, nel nord della Spagna, la seconda originaria del Connecticut, negli Stati Uniti, hanno realizzato Mirage come loro film di diploma alla School of Visual Arts di New York. L’opera, molto apprezzata dentro e fuori dal circuito dei festival, tanto da meritarsi la segnalazione Vimeo Staff Pick, ha permesso ai due di entrare rispettivamente ai Blue Sky Studios e alla JibJab.

photo

07/07/2014